Artur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes

Uk London Services homepageHome - Convertitore di valuta - Tempo - Traduttore - Fotografie - Web cams - Links
Arthur Conan DoyleProfilo di Arthur Conan Doyle
di Luigi Pachì (editor di www.sherlockmagazine.it)
Arthur Conan Doyle, inventore di Sherlock Holmes,
nasce a Edimburgo il 22 maggio 1859 in Picardy Place,
così chiamata perché anticamente sede di una colonia
di ugonotti francesi, e muore nel 1930 a Crowborough.
Nel 1885 si laurea in medicina all'Università di Edimburgo. Nella sua vita Conan Doyle fa parecchie esperienze; medico di bordo su una baleniera, in seguito ritorna in Inghilterra per dedicarsi al praticantato e apre uno studio a Southsea.
Nei periodi di inattività comincia a scrivere le avventure di Sherlock Holmes, sebbene il suo primo racconto venduto sia del terrore: Il mistero della valle di Sasassa.
Doyle, che continua a scrivere polizieschi assieme a opere fantastiche, si propone al suo pubblico anche per una notevole serie di romanzi avventurosi, storie di pirati e altri testi di ambientazione medievale e romana.
Un autore davvero poliedrico che ha certamente raccolto nelle sue pagine le esperienze dei suoi molti viaggi, ma anche i trentasei anni di studi occultistici (questi ultimi raccolti in sette volumi e probabili ispiratori di alcune delle sue opere fantastiche).
Tornando a Sherlock Holmes, Conan Doyle inizia a cesellare la sua creatura letteraria constatando l'abilità del suo insegnante amico, il dottor Joseph Bell, che riesce a dedurre dai minimi dettagli le caratteristiche psicofisiche dei suoi pazienti.
A questo dobbiamo aggiungere, naturalmente, l'influenza di Edgard Allan Poe, l'inventore cinquant'anni prima del genere poliziesco. Holmes diventa presto un'immagine talmente concreta che persino l'autore, in certi momenti della sua vita, ha l'impressione che si tratti di un personaggio in carne e ossa.
Questa impressione è certamente rafforzata dalla frequente comparsa del detective londinese sul palcoscenico. Conan Doyle ricorda nella sua autobiografia Ucciderò Sherlock Holmes (Edizioni Rosa & Nero, 1987) l'esperienza che lo porta a modificare in una sola settimana il suo racconto La banda maculata,
affinché divenga un dramma teatrale...
Non passano neppure due settimane dall'ultima rappresentazione di questo lavoro che già si fanno le prove di un secondo dramma, scritto da Conan Doyle nel frattempo. In questo periodo l'attore Saintsbury si può davvero considerare un ottimo Sherlock Holmes, anche secondo il parere dell'autore.
L'opera teatrale permette a Conan Doyle di rifarsi delle perdite economiche precedenti, facendogli persino mettere via un discreto gruzzolo.
La banda maculata, versione teatrale, diviene un'opera di repertorio recitata
in molte province.
^ back ^
© Tutti i diritti sono riservati al Dott. Luigi Pachì (editor di www.sherlockmagazine.it)
© Copyright Uk London Services Ltd 2004-2006 - Tel. 0044 20 7357 6767